Sovrastima dello sport e delle calorie

Gli studi dimostrano che i fattori che influenzano il metabolismo sono molto più importanti dello sport e della quantità di calorie consumate. Ma cosa determina se siamo grassi o magri?

Stiamo invecchiando, non è vero? Ma c'è un fattore importante che riduce l'aspettativa di vita complessiva: un quarto degli adulti è in sovrappeso, cioè obeso. Questa categoria comprende le persone con un IMC di 30 o più. A questo si associa un aumento del rischio di molte malattie, dall'arteriosclerosi al cancro all'ictus. È stato dimostrato che la durata della vita delle persone in sovrappeso si riduce di oltre dieci anni. Il sovrappeso è forse l'epidemia globale più pericolosa. Secondo le statistiche, il numero di persone colpite aumenta di quasi 70% ogni anno in Francia, e più di una donna su due ne è affetta.

Perdita di peso: perché le diete falliscono

In realtà, questi fatti sono inspiegabili, poiché esistono innumerevoli diete e programmi di dimagrimento. Ma la maggior parte delle diete fallisce, come sappiamo da tempo. Alla fine, il 90% di coloro che vogliono perdere peso pesa ancora di più di prima del tentativo di dieta, perché è vittima dell'effetto yo-yo. I nutrizionisti stanno appena iniziando a scoprirne le cause. Una delle principali conclusioni è che una semplice equazione, che è la prima e più importante legge nel controllo del peso, è vera solo in parte per molte persone obese.

Questo è:
Sovrappeso = quando si consumano più calorie di quelle bruciate

Il bilancio calorico del giorno non è quello che sembra

Andrew Greenberg, professore alla Tufts University School of Medicine, ha dichiarato: "Dire che l'obesità è un problema di bilancio energetico è come dire che la febbre deriva da uno squilibrio termico".

Entrambi sono troppo brevi. La febbre è quindi una reazione di difesa dell'organismo. Inoltre, un bilancio calorico negativo non è sempre associato alla perdita di peso. Per esempio, molte persone obese applicano restrizioni dietetiche e non mangiano molto, ma non perdono peso. D'altra parte, molte persone mangiano ogni giorno più di quanto bruciano in termini di energia e tuttavia rimangono magre.

Non è lo sport a bruciare le energie in eccesso, ma un cervello funzionante.

Anche la seconda legge (chi si muove ogni giorno è magro) si scontra con studi recenti. Ad esempio, in uno studio sulla perdita di peso attraverso lo sport, i soggetti esaminati avevano maggiori probabilità di ingrassare e non erano, come previsto, magri. A parte lo sport di alto livello, il movimento come bruciatore di calorie è quindi molto sopravvalutato. Un po' di sport nel tempo libero non fa bruciare molte calorie; in realtà è il nostro cervello il vero divoratore di energia. Consuma circa un quarto dell'energia totale, anche se il cervello rappresenta solo 2% del peso corporeo. Ma chi pensa che l'allenamento e l'apprendimento del cervello facciano perdere peso, purtroppo si sbaglia. Il fabbisogno calorico aumenta solo leggermente. La maggior parte dell'energia viene elaborata dal cervello durante attività di cui non siamo affatto consapevoli. Ad esempio, la produzione di ormoni e il controllo del metabolismo e delle funzioni corporee.

Aumento e perdita di peso

Che si lavori in ufficio o come giardinieri: il fabbisogno calorico è lo stesso. Lo stile di vita dovrebbe quindi essere il fattore determinante: il lavoro in posizione seduta è spesso considerato la causa dell'epidemia di sovrappeso. Ma anche questo potrebbe essere smentito da un'indagine. Gli scienziati hanno confrontato il fabbisogno calorico giornaliero degli americani tipici (sedentari) con quello di una tribù africana che vive come un raccoglitore. Sorprendentemente, il fabbisogno calorico di entrambi i gruppi era lo stesso: circa 2600 chilocalorie per gli uomini, circa 2000 per le donne, anche se gli abitanti della tribù africana sono costantemente in movimento e molto raramente siedono.

Alcuni alimenti fanno ingrassare più velocemente, altri fanno perdere peso. Eppure i collezionisti erano più magri degli occidentali seduti. Le spiegazioni possono essere diverse. Da un lato, chi non fa molto esercizio fisico consuma molte più calorie al giorno rispetto al proprio fabbisogno giornaliero (il che, ovviamente, è la prima regola dell'equilibrio calorico). Ciò che influisce molto di più, ovviamente, è il cibo che si consuma. È qui che risiedono le maggiori differenze. Alcuni alimenti sono associati all'aumento di peso, altri alla perdita di peso. Gli studi hanno dimostrato che i seguenti alimenti influiscono sul peso, in modo positivo o negativo:

Aumento di peso:
Patate
Prodotti a base di farina bianca
Zucchero

Perdita di peso:
Verdure
La frutta
Noci
Yogurt

Le fibre rendono innocue le calorie

La spiegazione è che le fibre sono presenti in abbondanza nelle verdure, nella frutta e nelle noci. Con le fibre non digeribili, l'organismo espelle anche le calorie non utilizzate. In uno studio, a due gruppi di svezzatori è stato somministrato lo stesso cibo con lo stesso apporto calorico giornaliero. In un gruppo, però, tutti i prodotti cerealicoli erano integrali, mentre gli altri erano decorticati e lavorati. Il gruppo dei cereali integrali ha bruciato circa 100 calorie in più al giorno, una quantità che può già portare a una perdita di peso di tre chili in un anno. Può sembrare poco, ma sono le piccole cose che fanno la differenza.

Ruoli cruciali: Metabolismo e geni

Le fibre hanno quindi un effetto positivo sul metabolismo. Tuttavia, il metabolismo, la sazietà, la fame e il numero di cellule adipose non sono completamente influenzati. Gran parte di questa complessa interazione dipende dall'individuo. Ecco perché alcune persone perdono peso facilmente e tendono a dimagrire e a mantenerlo. Altre, nonostante i grandi sforzi, lottano costantemente con il loro peso in eccesso e hanno maggiori difficoltà.

Programmare il cervello per i cibi giusti

Tuttavia, non bisogna arrendersi, perché con una buona dieta cambia anche l'appetito. Aumenta il desiderio di mangiare sano, che fa dimagrire e non ingrassare. Gli alimenti ricchi di fibre come la frutta, la verdura, i cereali integrali e gli alimenti ricchi di proteine come il pesce, il pollame e lo yogurt vengono rapidamente considerati più deliziosi degli agenti ingrassanti. L'appetito per pizza, hamburger, patatine e dolci diminuisce. Sembra troppo bello per essere vero, ma lo è! Uno studio recente ha lavorato per sei mesi con soggetti la cui metà è stata nutrita con gli alimenti ad alto contenuto di fibre e proteine elencati, mentre il gruppo di controllo ha continuato a mangiare normalmente. I volontari sono stati sottoposti a scansioni cerebrali a intervalli che mostravano loro i vari alimenti. Gradualmente, il centro di ricompensa nel cervello dei soggetti ha risposto sempre di più ai cibi sani. L'appetito per la farina integrale e la frutta è aumentato, mentre il cibo da fast food non era affatto eccitante. Alla fine dello studio, i soggetti avevano perso in media otto chili, il gruppo di controllo poco meno di uno.

Superare la predisposizione genetica

Perdere peso è difficile, soprattutto per le persone con una predisposizione genetica. Ma con gli alimenti giusti e un po' di forza di volontà è ancora possibile riuscirci. È sicuramente più facile incorporare alimenti sani nella propria vita quotidiana, in modo da perdere peso in modo permanente e non solo temporaneo. Date a voi stessi e al vostro corpo un po' di tempo per abituarvi a una dieta sana e sarà sempre più facile mantenerla. In seguito, la perdita di peso sarà un gioco da ragazzi e in generale vi sentirete meglio.

Ti potrebbe anche piacere
Ragazza che prende le misure del suo corpo, sfondo bianco
Leggi ...

Test REDUSLIM

REDUSLIM è un'ottima opzione per tutti coloro che desiderano perdere peso senza modificare la propria dieta...
Leggi ...